Cammino Sinodale

“La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. Coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal peccato, dalla tristezza, dal vuoto interiore, dall’isolamento. Con Gesù Cristo sempre nasce e rinasce la gioia.” (EG1)

Papa Francesco ci dice che gioioso può essere qualsiasi percorso di vita che sia nella logica del Dio di Gesù Cristo, cioè di un amore costante e concreto per gli altri esseri umani derivati dall'incontro con una Persona. La gioia quindi non è un sentimento, un'emozione, uno stato d'animo, ma una presenza; è la presenza di un bene, di un bene amato che deve essere conosciuto per essere accolto e ogni volta che facciamo esperienza della sua presenza noi siamo nella gioia.

L'insistenza sulla gioia, il termine ricorre 59 volte nell'esortazione, ha il carattere del “lieto annuncio” che costituisce il Vangelo.

“Un annuncio rinnovato offre ai credenti, anche ai tiepidi o non praticanti, una nuova gioia nella fede e una fecondità evangelizzatrice. In realtà, il suo centro e la sua essenza è sempre lo stesso: il Dio che ha manifestato il suo immenso amore in Cristo morto e risorto. Egli rende i suoi fedeli sempre nuovi, quantunque siano anziani, riacquistano forza, mettono ali come aquile, corrono senza affannarsi, camminano senza stancarsi» (Is 40,31). Cristo è il «Vangelo eterno» (Ap14,6), ed è «lo stesso ieri e oggi e per sempre» (Eb13,8), ma la sua ricchezza e la sua bellezza sono inesauribili.”  (EG 11)

Aver gustato la vera gioia permette di smascherare l'insoddisfazione profonda di ogni chiusura in se stessi per quanto confortevole possa essere. Il messaggio dell'esortazione ci porta verso una verità fondamentale della nostra Fede, spesso ripetuta, ma ancor più spesso incompresa o non presa sul serio: Dio vuole la gioia e la felicità dell'uomo e la vuole per tutti.

Invito ogni cristiano, in qualsiasi luogo e situazione si trovi, a rinnovare oggi stesso il suo incontro personale con Gesù Cristo o, almeno, a prendere la decisione di lasciarsi incontrare da Lui, di cercarlo ogni giorno senza sosta. Non c’è motivo per cui qualcuno possa pensare che questo invito non è per lui, perché «nessuno è escluso dalla gioia portata dal Signore»”. (EG3)

Se abbiamo veramente incontrato Gesù e ci ha liberato dalla tristezza, dal vuoto interiore, dall'isolamento, noi possiamo essere persone stanche, ma contente e capaci di superare la scontentezza, dimostrandolo a chiunque ci si ponga di fronte.

“Ci sono cristiani che sembrano avere uno stile di Quaresima senza Pasqua. Però riconosco che la gioia non si vive allo stesso modo in tutte la tappe e circostanze della vita, a volte molto dure. Si adatta e si trasforma, e sempre rimane almeno come uno spiraglio di luce che nasce dalla certezza personale di essere infinitamente amato, al di là di tutto. Capisco le persone che inclinano alla tristezza per le gravi difficoltà che devono patire, però poco alla volta bisogna permettere che la gioia della fede cominci a destarsi, come una segreta ma ferma fiducia, anche in mezzo alle peggiori angustie: «Sono rimasto lontano dalla pace, ho dimenticato il benessere … Questo intendo richiamare al mio cuore, e per questo voglio riprendere speranza”. (EG6)

La speranza come continua ricerca e come opportunità necessaria da offrire a chi non la possiede. In una società nella quale la famiglia attraversa una crisi culturale profonda, dove l'individualismo favorisce uno stile di vita che snatura i vincoli familiari, una società la cui economia uccide, il Papa denuncia l'attuale sistema economico e lo definisce “ingiusto alla radice”, perchè prevale la legge del più forte. E gli esclusi sono dei veri propri rifiuti, avanzi. Proprio per questo dobbiano sentirci chiamati a prenderci cura della fragilità e alla difesa della vita umana. Il Papa ci esorta in maniera costante ad avere cura dei più deboli ed a sviluppare i legami con le persone, evitando di sprofondare nell'isolamento.

“È evidente che in alcuni luoghi si è prodotta una “desertificazione” spirituale, frutto del progetto di società che vogliono costruirsi senza Dio o che distruggono le loro radici cristiane.

….Ma «è proprio a partire dall’esperienza di questo deserto, da questo vuoto, che possiamo nuovamente scoprire la gioia di credere, la sua importanza vitale per noi, uomini e donne. Nel deserto si torna a scoprire il valore di ciò che è essenziale per vivere; così nel mondo contemporaneo sono innumerevoli i segni, spesso manifestati in forma implicita o negativa, della sete di Dio, del senso ultimo della vita. E nel deserto c’è bisogno soprattutto di persone di fede che, con la loro stessa vita, indichino la via verso la Terra promessa e così tengono viva la speranza» (EG86)

“La fede significa anche credere in Lui, credere che veramente ci ama, che è vivo, che è capace di intervenire misteriosamente, che non ci abbandona, che trae il bene dal male con la sua potenza e con la sua infinita creatività. Significa credere che Egli avanza vittorioso nella storia insieme con «quelli che stanno con lui … i chiamati, gli eletti, i fedeli» (Ap17,14). Crediamo al Vangelo che dice che il Regno di Dio è già presente nel mondo, e si sta sviluppando qui e là, in diversi modi: come il piccolo seme che può arrivare a trasformarsi in una grande pianta (cfr Mt 13,31-32), come una manciata di lievito, che fermenta una grande massa (cfr Mt13,33) e come il buon seme che cresce in mezzo alla zizzania (cfr Mt 13,24-30), e ci può sempre sorprendere in modo gradito. È presente, viene di nuovo, combatte per fiorire nuovamente. La risurrezione di Cristo produce in ogni luogo germi di questo mondo nuovo; e anche se vengono tagliati, ritornano a spuntare, perché la risurrezione del Signore ha già penetrato la trama nascosta di questa storia, perché Gesù non è risuscitato invano. Non rimaniamo al margine di questo cammino della speranza viva!” (EG278)

Alla luce del Vangelo, quali conversioni dobbiamo attuare in noi e in ciò che testimoniamo affinchè la nostra gioia sia visibile?

Ma tu hai scoperto che il Vangelo è gioia? Riesci a trasmetterla?

Nelle avversità della vita sei capace di trovare la speranza nella gioia del Vangelo?

Noi testimoni del Vangelo corriamo il rischio dell'incontro con l'altro? Con il suo dolore, le sue richieste? Con la nostra gioia riusciamo a trasmettergli speranza?

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

Bastano poche righe di una pagina del Vangelo, letta con fede, per sentire quella gioia, che dovrei testimoniare, invadermi e darmi così la forza per incontrare gli altri che si trovano nella tristezza o sofferenza.
Penso che sia quella gioia particolare che significa dare affetto, vicinanza e serenità al prossimo.
Dobbiamo essere persone di cuore.
Nella società di oggi, a volte, incontriamo persone che hanno più bisogno di una parola o di un momento di gioia che di altro. Scrivo questo ma io sono la prima a non riuscirci proprio perché spesso prevalgono in me stessa le preoccupazioni o tensioni che sopprimono la gioia dentro. Allora mi devo riprendere, fermarmi, fare silenzio e pregare per ritrovare il Signore che sempre mi accoglie con gioia.
Ma che vita sarebbe senza questa certezza?
Rispondi Rispondi con citazione
Per quanto cerchi di fare il più possibile quello che devo e che posso, mi accorgo che le azioni concrete da sole servono a poco. Se non guardo gli altri negli occhi, non riconosco una persona stanca che si affida, una persona ferita che sta faticosamente recuperando serenità, una persona piena di bene lasciata sola in disparte. Se lascio prevalere dubbi e riserve, se alzo steccati, se non lascio che la gioia del Vangelo entri nel mio cuore e non la custodisco, non sono neppure capace di trasmettere agli altri quel seme di speranza e fiducia che prima o poi possa portare i suoi frutti.
Rispondi Rispondi con citazione
La gioia del Vangelo la possiamo sperimentare solo se riusciamo a vedere nell'altro noi stessi, facendo le cose di ogni giorno per la gloria di Dio....è tanto difficile, ma come dice la Caterina , se riusciamo ad uscite dagli schemi del quotidiano , potremo provare ad avere le certezze che il Vangelo annuncia e la gioia che ne scaturisce nel testimoniarlo a tutti.
Rispondi Rispondi con citazione
Anzitutto un grande 'grazie' a Caterina, Maria Laura e Cinzia e l'auspicio che altri si aggiungano.
Io vorrei solo dire che ieri, domenica 18 febbraio, abbiamo vissuto a Limite un bel momento di fraternità e di comunione ecclesiale. Un gruppo numericamente cospicuo, duecento persone circa, un clima di intensa partecipazione, tante confessioni, la concelebrazione quale segno vivente di quel legame sacramentale che ci fa essere uno in Cristo. La gioia del Vangelo vive di questo legame sacramentale che si origina nel e dal Battesimo. La gioia del Vangelo è sapersi facenti parte di un unico corpo, la Chiesa, la gioia del Vangelo è accorgersi e prendere sempre più coscienza che la salvezza è condivisa e non è soltanto mia così come la croce e la fatica sono condivise. La gioia del Vangelo è avere la grazia di poter camminare insieme e questo, in tempi così fortemente individualistici come i nostri che ci rinchiudono in steccati insormontabili, è davvero un dono di cui ringraziare. DM
Rispondi Rispondi con citazione
E direi anche che è un impegno da custodire. Camminare insieme: certo condividere la stessa mensa eucaristica, certo professare la stessa fede, certo pregare all'unisono e gli uni per gli altri, ma anche metterci a disposizione delle necessità della propria parrocchia, dire di sì se il tuo don ti domanda, ti esorta, credere (un atto di fede) che sia il Signore che ti sta chiamando in quella richiesta. Altrimenti troppo facile dire camminare insieme, ringraziare perché si cammina insieme e poi agire all'insegna dell'ognun per sé e Dio per tutti.
Rispondi Rispondi con citazione
Il Vangelo una guida di gioia per ogni uomo.Non dobbiamo vivere con cuore chiuso come un riccio, ma come ogni giorno ci ripetè Papa Francesco, uscire allo scoperto in un continuo dialogo con i nostri fratelli. Un dialogo per aiutarci reciprocamente a superare i più brutti momenti. Non avere paura a esprimere i propri sentimenti anche se sbagliati e non condivisi. Buttarsi con slancio per un mondodi amore vissuto con gioia tutti insieme.
Rispondi Rispondi con citazione
La preghiera comunitaria e personale vissuta a Limite è stata molto bella e mi ha fatto riflettere proprio sulla domenica come giorno del Signore. Noi cristiani dovremmo impegnarci di più a non lasciare questo appuntamento con Lui, perché ci arricchisce dentro, ci aiuta e ci dona forza per affrontare tutta la settimana con più serenità.
Oggi corriamo tutti fra mille impegni, è facile essere nervosi anche verso gli altri ma se cerchiamo la Fonte della pace e della gioia, almeno la domenica, forse un po' più gioiosi lo saremmo soprattutto verso chi incontriamo.
Bisogna esserne convinti, di questo, perché la società di oggi è impostata a valorizzare la domenica nel senso opposto, non lascia spazio alla nostra parte spirituale,
, quella parte da curare per portare speranza e gioia al nostro prossimo. Grazie Signore di questo giorno, Tu sai che ne abbiamo bisogno!!!!
Rispondi Rispondi con citazione
Che regalo il brano di San Bernardo, così antico e così attuale, scritto mille anni fa ma tanto valido per il nostro tempo che vive di emozioni, che passa dall’esaltazione all’abbattimento, dall,eccitazione alla noia di tutto in un attimo.
La fede in Gesù, l’aiuto dello Spirito Santo unici antidoti alle “ubriacature” di un tempo inquieto
Rispondi Rispondi con citazione
Mi è piaciuto molto l'incontro con suor Costanza. Ha parlato con semplicità ma con parole forti e chiare. Donare la propria vita per avere la vera vita con la forza che Gesù ci dà guardando la croce.
Quel suo abbraccio che ci offre dalla croce ad ognuno di noi ci incoraggia a seguirlo ogni giorno. Nella sofferenza, nei periodi più bui o più difficili, il suo abbraccio e la sua vicinanza sono più forti perché noi abbiamo paura e siamo deboli.
Riuscire a portare le nostre croci con amore significa dare testimonianza perché la sofferenza ha un grande valore per i nostri peccati e per quelli del mondo. Il saperla portare ci deve rendere sereni perché Gesù ha sofferto e soffre per noi e insieme a noi. Questa serenità si può trasformare in gioia da portare agli altri che non riescono a d accettare la sofferenza.
Tutti, comunque, facciamo molta fatica a portare la croce dovremmo contemplare il crocifisso con più fede.
Rispondi Rispondi con citazione
GESÙ È RISORTO!!!! Questa è la gioia più grande che ci dona forza e speranza nella vita di tutti i giorni!
Ognuno di noi ha le proprie croci da portare ma Gesù era solo a portare la croce noi, invece, abbiamo Lui vicino e non ci abbandona mai perché è vivo, di questo siamo sicuri.
Allora gridiamo: sei forte Signore!
Col cuore vi auguro buona Pasqua!!
Rispondi Rispondi con citazione
Grazie a questo blog condivido con voi questo pensiero sull'annunciazione dell'angelo a Maria. La risposta di Maria è stata un SI d'immenso amore per il mondo. Con questo SI ci ha salvato e ci incoraggia senza stancarsi.
La nostra vita quotidiana è fatta di piccoli SI per vivere da cristiani, il riuscirci ci farebbe sentire più gioiosi e sereni dentro perché il dire SI è fare la volontà di Dio e trovare la felicità del cuore il questa vita e in quella eterna.
Preghiamo per questo Maria, soprattutto per i giovani che hanno bisogno di capire quello che il Signore gli chiede.
Rispondi Rispondi con citazione
Scrivo riguardo all'incontro del cammino sinodale tenuto a Capalle. Cercherò di essere sintetica perché l'argomento è ampio, interessante e riguarda tutti noi battezzati. Il tema è l'evangelizzazione, cap. terzo del libro Evangelii Gaudium. Questi incontri servono per aiutare la Chiesa che chiede aiuto e si mette in ascolto del popolo di Dio che è formato da tutti coloro che sono battezzati. Ogni cristiano è un missionario che opera insieme agli altri cristiani uniti in Gesù.
Un cammino progressivo verso il Signore è la vera gioia che nasce dalla convinzione che Gesù ci ha salvato, una salvezza che è per tutti.
C'è bisogno di un nuovo protagonismo da parte di ognuno di noi, cioè ogni persona deve prendere coscienza di annunciare il Vangelo. Come evangelizzare oggi? Abbiamo cercato di rispondere a questa domanda......
Segue.....
Rispondi Rispondi con citazione
Con l'incontro personale, con chi ci sta accanto, in modo informale, predicazione di vita e testimonianza quotidiana;
Può evangelizzare una persona che ha un carisma particolare da donare alla comunità; la cultura e la politica hanno bisogno di essere evangelizzate perché ci sono delle profonde radici nel Vangelo.
Oggi c'è una forte difficoltà di comunicazione faccia a faccia ed anche una certa paura a prendersi degli impegni, ma il modo più evangelizzante è lo stile di vita cristiano. È certamente impegnativo e difficile perché deve essere contiinuo e perseverante nel tempo ma questo parla più di tante parole. Ci vuole forza e fede che attingiamo dalla preghiera e dall'Eucarestia, dobbiamo smuoverci ed abbandonare le nostre sicurezze e programmi (almeno in parte) e fare comunità prima nelle nostre parrocchie poi rimettiamo tutto nelle mani del Signore (senza deresponsabilizzarsi). Siamo pochi? Non scoraggiamoci mai a fare il bene!
Rispondi Rispondi con citazione
Mi dispiace per la situazione di crisi della catechesi dei bambini.
Penso anche ai catechisti che ci mettono il loro tempo e sacrificio che va rispettato e riconosciuto. Io non ho esperienza di catechesi ai bambini ma posso provare a dare dei suggerimenti per discuterne. Il discorso è ampio ma cerco di essere sintetica:
- i gruppi dei bambini della primaria il sabato mattina e/o la domenica mattina mentre quelli delle medie il pomeriggio di un giorno della settimana;
- tutti insieme i ragazzi di uno stesso anno di catechesi;
- incontri ogni quindici giorni ( vista la difficoltà con lo sport) ma di un'ora e mezzo di cui uno al mese restano i genitori per la catechesi degli adulti;
- incontri di recupero a maggio per i ragazzi che hanno fatto diverse assenze.
Tutto questo perché essendo una scelta è necessario impegno, partecipazione e volontà di ogni famiglia.
Fare un sacramento è la festa d'inizio di un'avventura e di un impegno di vita.
Rispondi Rispondi con citazione
Il parrocchiano che sbadigliava alla messa ed ha irritato il don, forse ha sottolineato l'esattezza della situazione che esiste nell'iniziazione cristiana dei bambini. Uno sbadiglio.
Lavoro,scuola,spesa sport,compleanni,catechismo,tv, gioco ecc...la giornata di ogni famiglia con bambini ha questo tran tran..il catechismo è uno deli tanti impegni o appuntamenti che oggi ha un bambino..e che facciamo se tutto non rientra nella settimana ? si rinuncia allo sport ?.. a un compleanno?..ad una uscita ? va bene..se non vai questa settimana ci vai la prossima al catechismo. ..tanto è solo un ora...che vuoi che sia...che vuoi che sia mettere Gesù come una delle tante "cose "da fare. Ecco la grande crisi della famiglia cristiana di oggi. Gesù non è più al centro del nostro presente,del quotidiano.
Il presente, il Vangelo ,la parola di Vita è solo un libro che prende polvere nelle nostre case. Uno sbadiglio.
Rispondi Rispondi con citazione
Vedere i giovani che sono ottenebrati da quello che il mondo oggi offre...vedere le parrocchie affollate solo per Natale e Pasqua..
Essere cristiani si riduce alla Messa domenicale ? E quando si esce cosa rimane dentro di noi ?..
E nelle famiglie oltre il "mondo" c'e' spazio per il Signore ?
Mi ha fatto riflettere l'omelia di domenica del don, alla messa delle 10.....parrocchia destinata all' estinzione. ..come i dinosauri ? Bisogna non vergognarsi e testimoniare a tutti con la nostra vita ..nel quotidiano, in ogni istante che Dio è amore ...che è l'unico Ideale che non mi tradirà mai...
Rispondi Rispondi con citazione
Grazie Cinzia hai messo a fuoco la vita familiare di oggi!
Bisogna ritrovare il vero punto di riferimento che ci guida: Gesù che è la nostra Via, Verità e Vita.
Rispondi Rispondi con citazione
Domenica scorsa sono rimasta affronta per la situazione del catechismo. Valori molto importanti per il futuro di un bimbo che diventerà uomo . non avere paura a un bimbo a mostrarli nella realtà le difficoltà di un povero o un malato. I bimbi si sentono realizzati, secondo il mio umile pensiero,quando si trattano con dolcezza come piccoli ometti.
Rispondi Rispondi con citazione
Tutto bene ma diamo un colpo al cerchio ma anche uno alla botte. Come hanno detto Cinzia e Caterina la famiglia cristiana, e mi riferisco solo a questa, non ha più la forza di mettere Gesù al centro con scelte coraggiose e controcorrente in modo da convertire anche chi non è cristiano e incoraggiare chi è già cristiano. Ci vuole però un ritorno alle origini anche da parte dei pastori. La guida dei pastori è altrettanto importante ma purtroppo anche loro sono presi dai tanti impegni e "progetti gestionali" che lasciano poco tempo e spesso voglia ed entusiasmo per ascoltare e se necessario dare la propria vita (anche in senso metaforico) per le pecore affidate, ma Gesù a Pietro ha indicato un punto fermo per la sua missione "Pasci le mie pecorelle", e lo ha ripetuto tre volte e il numero tre ha un significato preciso nel linguaggio del vangelo. Torniamo insieme, pecore e pastori, alle origini e vediamo come, confidando nella provvidenza e nella grazia di Dio. Grazie
Rispondi Rispondi con citazione
Nel terzo incontro sinodale abbiamo riflettuto su come nella propria vita, nel Vicariato e nelle parrocchie, concretizzare una evangelizzazione gioiosa.
Come comunità cercare delle iniziative di comunione con catechesi, scambio di esperienze e incontri di preghiera comunitaria più frequenti.
Come cristiani dobbiamo essere delle persone che non hanno paura a dimostrarlo avvicinando le persone con una parola, con un sorriso o con un saluto. Per spiegarlo riporto questa preghiera di Madre Teresa di Calcutta:
"NON PERMETTERE MAI
CHE QUALCUNO VENGA A TE
E VADA VIA SENZA ESSERE
MIGLIORE E PIÙ CONTENTO.
SII L'ESPRESSIONE
DELLA BONTÀ DI DIO.
BONTÀ SUL TUO VOLTO
E NEI TUOI OCCHI,
BONTÀ NEL TUO SORRISO
E NEL TUO SALUTO.
AI BAMBINI, AI POVERI
E A TUTTI COLORO CHE SOFFRONO
NELLA CARNE E NELLO SPIRITO
OFFRI SEMPRE UN SORRISO GIOIOSO.
DAI A LORO
NON SOLO LE TUE CURE
MA ANCHE IL TUO CUORE.
Rispondi Rispondi con citazione
Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
Via Alcide de Gasperi n. 9
Campi Bisenzio, (FI) - 50013
0558963367
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
852276
Oggi
Ieri
Ultimo mese
77
454
21768

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.